IMG_3737.JPG
Museo Vouland

 

Il palazzo, ex dimora del collezionista Louis Vouland (Noves 1883 - Avignon 1973), fa parte di un quartiere urbanizzato alla fine del XIX secolo a ovest di Avignon intramuros, vicino al Rodano, sull'influenza dell'ex convento di i domenicani o  Fratelli Predicatori.

 

Dietro le facciate ordinate di ispirazione classica, il visitatore scopre la collezione di Louis Vouland, attraverso sale di ricevimento al piano terra, poi stanze più intime al primo piano. Conservando la privacy, la sua facciata sud, nascosta alla vista, si apre ampiamente su un piacevole giardino soleggiato.

 

Il museo ha una collezione permanente di arti decorative del XVII e XVIII secolo. Presenta anche opere di artisti provenzali del XIX e XX secolo dalla collezione del museo, durante mostre tematiche o monografiche.

 
Collezione permanente

 

Prende il nome dal suo fondatore, l'industriale avignonese Louis Vouland morto nel 1973, il museo presenta in modo permanente:

- La prestigiosa collezione di arti decorative assemblata da questo grande amante dell'arte appassionata del XVII e XVIII secolo.

- Una rara collezione di opere di pittori e artisti provenzali della fine del XIX secolo e dell'inizio del XX secolo.

Arte decorativa
  

Il Museo Louis Vouland promuove un incontro privilegiato con il XVIII secolo.  

Ci invita a scoprire una ricca collezione di mobili e oggetti nell'atmosfera intima di una dimora del XIX secolo.

L'industriale dell'industria alimentare Louis Vouland (Noves 1883 - Avignone 1973), era appassionato delle Arti Decorative del XVII e XVIII secolo.

Lo spirito del XVIII secolo emana dai mobili, dalle maioliche, dalle porcellane, dagli arazzi, dagli orologi, dagli oggetti d'arte cinese, dalla sua ex casa di collezionista.

avignon_vouland_0162_mob_002_détail_carr
avignon_vouland_0106_tap_ekta_002©lepelt
VASE_BALUSTRE_CHINE_KANGXI_DETAIL_GROS.j
_EP_6309_d.jpg
avignon_vouland_0107_mob_ekta_005©lepelt

Arredamento

  

Una ricca collezione di mobili, rappresentativa dell'evoluzione degli stili dal XVI al XVIII secolo, testimonia il cambiamento degli stili di vita.

Tra i pezzi notevoli delle grandi botteghe dei maestri ebanisti parigini, un cassettone timbrato Pierre Migeon IV, di eccezionale qualità.

Ceramica
  

La grande collezione di ceramiche in mostra si distingue per il suo insieme di terrecotte di Moustiers, Lione e Marsiglia, e per affascinanti esempi di porcellane di Sèvres, Meissen e pezzi cinesi di grande rarità.

Un bellissimo set di popolare terracotta smaltata verde del Midi è entrato a far parte della collezione nel 2018.

avignon_vouland_0274_obj_ekta_002©lepelt

Arazzi

  

Tappeti orientali siedono accanto a sontuosi arazzi da parete con documenti storici del XVII e XVIII secolo provenienti da fabbriche delle Fiandre, dei Gobelins o di Aubusson.

TAPISSERIE_AUBUSSON_17E.jpg
Dipinti, disegni e incisioni
  

Tra i dipinti e le incisioni che scandiscono la visita del museo, spiccano le opere dell'artista di origine avignonese Joseph Vernet (Avignon 1714 - Parigi 1789), pittore paesaggista e marino apprezzato da Luigi XV.

_EP_6298.jpg
avignon_vouland_0022_obj_2013_002©lepelt
Orologeria
  

I cartelli scandiscono la vita del museo e ricordano il progresso dell'orologeria nel XVIII secolo.

Arti della Provenza
  

La collezione delle arti della Provenza e della Linguadoca è incentrata sul "  Nuova scuola di Avignone  », Nato intorno a Pierre Grivolas (Avignon 1823 - Avignon 1906) alla Scuola di Belle Arti della città, alla fine del XIX secolo. Scene di vita quotidiana, pittura a cielo aperto e ritrattistica occupano un posto preponderante in un contesto post-impressionista. Charles Vionnet, Clément Brun, Claude Firmin, Eugène Martel, Louis Montagné, Jules Flour, Alfred Lesbros, Auguste Chabaud,...  XX secolo, provenzale o legato alla Provenza come Jean-Marie Granier o Francis Céra.

 

La collezione non si limita alla pittura. Si arricchisce anno dopo anno, grazie alle donazioni. Così, nel 2017 e nel 2018, il museo ha ospitato una serie di 80 disegni di paesaggi della Vaucluse di Michel Steiner, una collezione di 150 ceramiche popolari di mezzogiorno e un bellissimo ritratto attribuito a Paul Saïn.

GRIVOLAS_LES_GRANGES_DU_GRAND_ROUGIER.jp
 
Giardino del Museo Vouland
  

Il palazzo si apre a sud su un tranquillo e piacevole giardino.

I visitatori sono i benvenuti...all'ombra o al sole, vieni a fare una pausa in giardino!

Rue Victor Hugo, niente lascia indovinare il giardino del museo. Questo giardino, a sud del palazzo, è attraversato dal Canal de Vaucluse, il ramo avignonese della Sorgue. Immaginato come un'estensione sensibile e sensoriale del museo favorevole alla biodiversità, rinasce dopo importanti lavori intorno al Canale nel 2017. La flora si arricchisce di anno in anno, e nel corso dei giorni, possiamo osservare il ciclo: piante, insetti, uccelli, ecc. Gli animali guardano a questa vita e creano collegamenti tra il mondo vivente, le collezioni e le mostre. Foglie, fiori e frutti, insetti, uccelli e pesci, tutto cambia con le stagioni. E ogni primavera ha in serbo sorprese!
IMG-20211006-WA00001.JPG
FACADE_MUSEE_VOULAND_19E
P_20190410_181807-2018.jpg
 
IMG_3737.JPG
La Fondazione

La Fondazione Louis Vouland, riconosciuta di pubblica utilità nel 1977, gestisce il patrimonio lasciato in eredità da Louis Vouland alla Fondation de France nel 1973 per rispondere alle sue principali vocazioni:

- aumentare il museo e le sue collezioni di arti decorative del XVII e XVIII secolo (conservare, mostrare e aumentare),

- lo studio e la diffusione delle arti (comprese le costruzioni) della Provenza e della Linguadoca

La Fondazione è amministrata da un consiglio di dodici membri:

  

- cinque membri d'ufficio:

Ministro degli Interni

Ministero della Cultura

Consiglio dipartimentale della Vaucluse

Città di Avignone

Camera di Commercio e Industria della Vaucluse

  

- Attualmente, i sette membri eletti sono:

Frédéric Vouland, presidente

Michèle Michelotte, segretaria

Jacques Téphany, tesoriere

Dominique Ansidei , amministratore

Danièle Brémond, amministratore

Jean-Claude Delalondre , amministratore

Patrick Galant, amministratore

Gli impegni della Fondazione Provence

  

-  Il Premio Vocazione Provenzale , di carattere culturale, premia i giovani under 30 che hanno investito nel campo storico, artistico o linguistico regionale.

   

1980: Pierre Fabre - Poeta

1981: André Gabriel - Musicista

1982: Jean-Louis Ramel - Scrittore

1983 (rimesso nel 1984):  Rémi Venture Poeta - Storico

1984 (ceduto nel 1985): Eric Boubon - Attore

1985 (ceduto nel 1986): La Capouliero - Gruppo folkloristico

1987: Jean-Luc Domenge - Scrittore

1988: Raphaël Mérindol - Storico dell'arte

1989: Jean-François Gueganno - Giornalista

1990: André Martino - Ballerino

1991: Lou Riban de Prouvenço - Gruppo folk

1992: Véronique Autheman e Gérard Fabre - Storici

1993: Jean-Michel Turc - Insegnante

1994: Nathalie Simian - Insegnante

1995: Corinne Ranc - Musicista

1996: Philippe Féret - Insegnante

1997: Frédéric Soulié - Giornalista

1998: Céline Magrini - Insegnante di musica e canto / gruppo

1999: Hélène Deltrieu - Insegnante

2000: Anne Lambert e Virginie Bigornent - Insegnanti

2001: Virginie Suppo - Insegnante

2002: Céline Marteau-Imbert - Insegnante

2003: Elodie e Virginie Oubré - Ballerini e insegnanti

2004: Sano Naoko - Insegnante

2005: Laurent Revest - Ricercatore e artista

2007: Associazione Provençau Lengo Vivo - Associazione

2008: Jean-Pascal Richard - DVD La Pastorale

2009: Rita Mazaudier

2011: Isabelle Fabre - Scuola pubblica bilingue franco-provenzale di Cuers

2013: Rémi d'Espagnet - Info e media

2014: Scuola Maillane - Scuola

 

-  Il Premio Jacques Léon , creato dalla Fondazione Louis Vouland nel 1993 grazie a una donazione anonima di un industriale marsigliese, nipote di Jacques Léon, mira a contribuire a perpetuare l'identità provenzale nel mondo contemporaneo.

  

1993: Souleïado Tessuti, biancheria per la casa, stoviglie, decorazioni di ispirazione provenzale - Tarascon

1994: Vernin , Piastrelle Apt Fabbricazione di terracotta decorata a mano - Bonnieux

1995:  Laboratorio di restauro Jean-Loup Bouvier Scultore e restauratore di arte e monumenti storici - Les Angles

1996: Usines Marius Bernard Specialità culinarie provenzali - Saint Chamas

1997: Laboratorio di sedute provenzali Laffanour Frères - Jonquières

1998: Avignon School Centro di formazione per la riabilitazione del patrimonio architettonico - Avignon

1999: Formaggio di capra e pecora Fromagerie de Banon AOC - Banon

2000: Macelli Ets Alazard et Roux , macelleria, salumi - Avignon

2001: Pasticceria di Roy René Calissons d'Aix-en-Provence

2002: Florame Produzione di oli essenziali - Saint-Rémy-de-Provence

2003: BVT Manufacture lainière: trapunte, coperte e biancheria da letto e accessori moda - L'Isle sur la Sorgue

2004: Distillerie e Domini  di  Distilleria di liquori, distillati e acquaviti della Provenza - Forcalquier

2005: Les Olivades Decorazione provenzale e tessuti prêt-à-porter - Saint-Etienne-du-Grès

2006: Imprimerie Laffont Edizioni di stampa e documenti - Avignon

2007: Agro Novae / Les Comtes de Provence Specialità culinarie, marmellate e alimentazione salutare - Peyruis

2008: La Boule Bleue Rofritsch Fabbricazione di palle da bocce - Marsiglia

2010: La Maison Boyer Maestro pasticcere e torrone - Sault

2011: Hôtel d'Europe Hôtellerie - Restauration - Avignon

2012: Mathieu Lustrerie Restauro e creazione Lustrerie - Gargas

2013:  GIE Carrelages de Salernes Gestione di cave di ghiaia e sabbia, produzione di piastrelle - Salernes

2014 :  Couleur Garance Giardino d'inverno delle piante tintorie e promozione delle loro applicazioni nell'arte e nell'artigianato - Lauris

2017: Fragonard Parfumeur Parfumeur - Grasse

2019: Maison Manguin , distilleria artigianale - Avignone

Sponsorizzazioni - Donazioni e lasciti
  

Riconosciuto come di pubblica utilità  la Fondazione Louis Vouland è autorizzata a ricevere donazioni e lasciti. Qualunque sia la sua forma, finanziaria, di natura o di competenza, la sponsorizzazione comporta una riduzione delle tasse.

- 60% della somma per una società (entro il limite dello 0,5% del fatturato tasse escluse)

- 66% dell'importo per donazione privata (nel limite del 20% del reddito imponibile)

Puoi inviare le tue donazioni tramite assegno intestato alla Fondazione Louis Vouland.

​ Patron - Partner e Donatori (dal 2013)
   

Banque Chaix / Restauro di pavimenti in terrazo (2015)

EDIS, fondo di dotazione / mostra Vasarely multiplicity (in motion), installazione contemporanea sulla facciata Inversion di Eitenne Rey (2016)

Régis Roquette / mostra Vasarely molteplicità (in movimento) (2016)

Donors Campagna di crowdfunding Dartagnans / Mostra molteplicità Vasarely (in movimento), (2016)

La Mirande / Sotto le stelle (2018)

Fondazione Crédit Agricole (2019) / giardino

 

Sponsorizzazione delle competenze
  

Jacques Blanc, geometra

Michel Escande , architetto del patrimonio

Marc Angosto, falegname

 

Partner
  

Fondazione Vasarely / Mostra molteplicità Vasarely (Aix, Avignone, Gordes - 2016)

Mostra molteplicità Villa Datris / Vasarely - 2016

Avignon School of Arts / Mostra molteplicità di Vasarely - In movimento - 2016

Scuola di Avignone (nel 1801, creazione di uno stabilimento dedicato all'arte e alla creazione, 1928 prende il nome di Scuola di Arti Decorative, nel 1965 di Scuola Municipale di Belle Arti e Architettura di Avignone)

EDIS, Dotazione Hortus 2.0 / mostra - 2017

Avignone Arte Contemporanea / Portale Arti Visive - 2018

Università di Avignone e del Pays de Vaucluse , master in cultura e mediazione del patrimonio

The Masquerade, ensemble di musica antica

Hotel ad Avignone

 
Gli amici  del Museo Vouland

 

Amici del Museo Louis Vouland  mira a partecipare allo sviluppo e alla visibilità del museo. Creato nel 2008 da alcuni amanti dell'hotel Villeneuve-Esclapon e delle sue collezioni, riunisce un gruppo di persone che desiderano contribuire alla vita di questo luogo e creare un legame speciale con esso.